Come far Dormire il neonato senza Seno

Nei primi mesi ed anni di vita, numerosi bambini non dormono o faticano ad addormentarsi.

Quando le difficoltà legate al sonno del neonato si protraggono, i genitori potrebbero ritrovarsi stanchi, stressati e frustrati a causa della situazione difficile.

In questo articolo Marika Novaresio, consulente professionale in allattamento IBCL, Consulente del Sonno e autrice del videocorso Sogni d’Oro, Notti tranquille risponde alla domanda ‘‘Come addormentare e far dormire un neonato senza allattarlo al seno?”.

Le difficoltà legate al Sonno del Neonato

Nelle vesti di mamma di due bambini e in qualità di professionista del sonno, so bene che il sonno infantile può essere difficile.

I risvegli notturni posso essere notevoli.

Potresti domandarti: 

”Come mai vuole dormire solo in braccio e non nel lettino?”

”Perchè si sveglia così presto?”

”Perchè i riposini sono così brevi o non li fa?”

”Quando dormirà tutta la notte?”

”É sbagliato se si addormenta poppando al seno?

”Se tolgo il seno e smetto di allattare, dormirà più a lungo?”

Tantissime altre domande…

 

Non preoccuparti,

In questo articolo e nel corso Sogni d’Oro, Notti tranquille ti offrirò delle risposte scientifiche e delle soluzioni pratiche per migliorare il sonno del tuo bimbo.

Come addormentare e far dormire il neonato senza seno?

Allatti di notte e temi sia una cattiva abitudine che vi impedirà di dormire?

Ti stai chiedendo come far dormire il tuo bimbo senza seno?

Per rispondere esaustivamente a queste domande, ti spiego cos’è un’associazione del sonno.

Un’associazione del sonno è quella serie di meccanismi/azioni che mettiamo in atto nel momento in cui dobbiamo favorire un sereno addormentamento o  riprendere un nuovo ciclo del sonno.

Mi spiego meglio.

sonno del neonato: come far dormire neonato

Le associazioni fanno parte di un bagaglio che ci accompagna nel corso del tempo; durante la prima infanzia sono più evidenti perché si ha fisiologicamente bisogno di supporto per gestire questo passaggio.

La natura ha predisposto come associazioni predominanti la suzione e il movimento (già presenti nella vita intrauterina) che non sono né buone, né cattive, bensì uno strumento neutro.

Ecco perchè poppare per addormentarsi può essere normale e fisiologico, anche se potresti chiederti: ”L’allattamento aumenta i risvegli?”

•Se si sveglia per fame, il seno non è la causa, ma la risposta;

•Se il motivo non è la fame, il risveglio nasce di suo e il seno più che esserne la causa, può essere un ottimo alleato per il riaddormentamento.

regressioni del sonno 3/4/5/6 mesi

Quindi, se ci pensi bene, i risvegli non c’entrano con il latte materno

Semplicemente, nella fisiologia, il piccolo ha bisogno di stimoli esterni per regolarsi e gestire l’addormentamento; che si tratti di suzione, movimento, doudou o altro.

Il tuo bimbo vi si appoggerà finché, in modo graduale e spontaneo, non saprà farne a meno.

Se lo stimolo principale è il seno (ossia la triade tra suzione, contatto e presenza) e ti risulta comodo e spontaneo, continua così!

Se stai vivendo un periodo stancante e hai bisogno di valutare eventuali adeguamenti, ti consiglio vivamente il corso Sogni d’Oro, Notti tranquille, in cui ti offrirò delle soluzioni pratiche e degli strumenti efficaci per migliorare il sonno del tuo bimbo.

Altri articoli dal blog