problemi di suzione e allattamento


I problemi di #suzione e #attaccamento al #seno risultano uno dei principali motivi di consultazione nonché uno dei più grandi successi di un intervento osteopatico specializzato!

Insorgono spesso sin dai primi giorni di vita e la diade mamma-bambino riscontra alcuni tra questi sintomi:

  • il bambino si stacca spesso dal seno 
  • il bambino tira la testa all'indietro e si inarca
  • il bambino piange e risulta irritabile al seno
  • il bambino si stanca subito di succhiare e/o si addormenta al seno 
  • la poppata è molto lunga o molto breve ( 10-15 min o 40-60 min )
  • presenza di dolore al seno, ragadi, mastiti, ingorghi...
  • il bambino preferisce un seno rispetto all'altro
  • bambino non cresce sufficientemente
  • il bambino ha bisogno di aggiunte di latte artificiale perchè non è sazio o non cresce abbastanza

 

In questi casi non aspettare più di 15 giorni dalla nascita del bambino per farvi aiutare!

Prima si tratta il neonato e più facilmente si otterranno i risultati richiesti.
Proprio per questo motivo e per il benessere generale del neonato consiglio di prenotare una Prima Visita Osteopatica Pediatrica entro i primi 11 giorni di vita del bambino .

Per maggiori informazioni riguardo l'anatomia e la neurofisiologia della suzione clicca qui.

Dai anche un'occhiata a un sito unico in Italia di un progetto medico innovativo per favorire l'avviamento dell'allattamento al seno.
Troverai una stretta collaborazione tra Ostetrica e Osteopata nei primi 11 giorni di vita del neonato:

 

 

 

www.breastfeeding11days.com


osteopatia e problemi di suzione, evidenze scientifiche


 

Tensioni muscolo-scheletriche a livello cranio-cervico-mandibolare possono influenzare la biomeccanica della deglutizione [32-33].
Lavorando la muscolatura ioidea e cervicale anteriore in relazione alla mandibola e al rachide, si ottengono significativi miglioramenti nella suzione e facilità nell’attaccamento al seno
Risulta comprovata la stretta interdipendenza tra una corretta deglutizione, una respirazione nasale, la masticazione e sviluppo delle strutture craniofacciali. [58-65]
Si integrano i trattamenti con dei consigli sul posizionamento del neonato durante l’allattamento in stretta collaborazione con un supporto ostetrico qualificato.